Cory Doctorow in Italiano

24 dicembre 2009

I più grandi pirati sono i più grandi acquirenti

Filed under: Interviste — yanfry @ 12:14
Tags: , , ,

Michel Bauwens – 3 agosto 2009

Nella versione originale e più ampia di questo articolo di cui riportiamo uno stralcio, l’autore di fantascienza Cory Doctorow*, spiega il motivo per cui è una buona idea per gli autori condividere gratuitamente i propri e-book con i propri potenziali fans.
Egli inoltre inquadra il filesharing come la scoperta di nuove creazioni culturali che non si è ancora pronti ad acquistare, ma che, quando si scopre di amare, solitamente si comprano.

Cory Doctorow*:

Recentemente ho visto Neil Gaiman** fare un discorso a qualcuno che gli aveva chiesto cosa ne pensasse della pirateria dei suoi libri. Disse, “Su le mani nel pubblico, chi ha scoperto il proprio scrittore preferito gratis – o perché qualcuno gli ha dato in prestito una copia, o perché qualcuno gliel’ha regalata?
Ora, su le mani se avete scoperto il vostro scrittore preferito camminando in un negozio cacciando fuori denaro”.
In maniera schiacciante, il pubblico ha risposto che avevo scoperto i propri scrittori preferiti gratuitamente, grazie ad un prestito o ad un regalo.

Quando si tratta di miei scrittori preferiti, non ci sono confini: acquisterei ogni libro che pubblicano, solo per possederli (a volte ne compro due o tre, per darne ad amici che devono leggere quei libri). Pago per vederli dal vivo. Acquisto le t-shirt con la cover dei loro libri stampata. Sono un cliente a  vita.

Neil disse che faceva parte della tribù dei lettori, la piccola minoranza di persone nel mondo che legge per il piacere di farlo, acquista libri perché li ama. Una cosa che sò di coloro che scaricano i suoi libri da Internet senza permesso è che sono lettori, sono persone che amano i libri. Le persone che studiano le abitudini degli acquirenti di musica hanno scoperto qualcosa di curioso: i più grandi pirati sono quelli che spendono di più.

Se pirati musica per tutta la notte, è probabile che tu sia una delle poche persone che vanno anche nei negozi (le ricordate?) durante il giorno.
Probabilmente vai ai concerti nel fine settimana ed è probabile che acquisti musica da catalogo.
Se sei un membro della tribù della red-hot-music farai un sacco di cose che hanno a che fare con la musica, da cantare sotto la doccia, a pagare al mercato nero i rari bootleg in vinile dell’Est Europa con le cover della tua band death-metal preferita.

Lo stesso vale per i libri.
Ho lavorato nei nuovi bookstores, utilizzato biblioteche e librerie. Ho bazzicato nei luoghi pirata on-line di ebook (“bookwarez”).  Sono un drogato marcio di librerie e vado alle fiere del libro per divertimento. E sapete una cosa?
C’è la stessa gente in tutti questi posti: appassionati di libri che fanno un sacco di cose che hanno a che fare con i libri.
Ho acquistato edizioni pirata strane e fottutamente brutte dei miei libri preferiti in Cina perché sono strane e fottutamente brutte e stanno davvero bene vicino alle otto o nove edizioni che ho pagato a prezzo pieno degli stessi libri.
Acquisto libri della biblioteca, cerco in google quando ho bisogno di un preventivo, ne carico decine sul mio telefono cellulare e centinaia sul mio portatile, e ne ho (di questi scritti) più di 10.000 in depositi di stoccaggio di Londra, Los Angeles e Toronto.

Se potessi prestare i miei libri fisicamente senza rinunciare al possesso degli stessi, lo farei.
Il fatto che posso farlo con i file digitali non è un bug, è un optional e un’ottima dannata cosa.

E’ imbarazzante vedere tutti questi scrittori e musicisti e artisti piagnucolanti per il fatto che l’arte ha acquisito questa empia nuova funzionalità: la possibilità di essere condivisa, senza perdere l’accesso ad essa.
E ‘come guardare i ristoratori piangersi addosso a causa delle nuove macchine gratuite da pranzo che nutrono gli affamati del mondo, perché questo li costringerà a riconsiderare i loro modelli di business.
Si, sarà complicato, ma cerchiamo di non perdere di vista l’attrazione principale: pranzi gratis!
L’accesso universale alla conoscenza umana, è nelle nostra mani, per la prima volta nella storia del mondo “
.

———–

PS:
*Cory Doctorow (Toronto, 17 luglio 1971) è un giornalista, scrittore e noto blogger (coeditore del famoso blog Boing Boing) canadese. È un attivista in favore delle leggi che liberalizzano il copyright e sostenitore delle licenze Creative Commons. La maggior parte dei suoi libri sono scaricabili gratuitamente da Internet. http://it.wikipedia.org/wiki/Cory_Doctorow

**Neil Richard Gaiman (Portchester, 10 novembre 1960) è un autore di fumetti, scrittore, giornalista e sceneggiatore televisivo e radiofonico britannico. Nel corso di quasi vent’anni di attività, Neil Gaiman è stato uno degli scrittori di punta del fumetto contemporaneo, e oggi è autore di best-seller in ambito narrativo. http://it.wikipedia.org/wiki/Neil_Gaiman

PPS: La frase in rosso rappresenta una delle più brevi, belle, chiare e convincenti descrizioni del P2P che abbia mai letto 😉

Articolo originale: http://blog.p2pfoundation.net/the-biggest-pirates-are-the-biggest-spenders/2009/08/03
Traduzione a cura di yanfry per Scambioetico

Annunci

23 dicembre 2009

Content: Selezione di saggi sulla tecnologia, la creatività, il copyright

Filed under: Ebook — yanfry @ 23:27
Tags: , , , ,

Leggi in Stanza su iPhoneLeggi in Stanza su iPhone
Scarica l'ePub sul PCScarica l’ePub
Scarica o leggi il mobypocket sul PCScarica il mobi

Content è la prima collezione di scritti di Cory Doctorow: dai discorsi più irriverenti tenuti in varie conferenze – a partire da quello alla Microsoft, cui chiede di smettere di trattare i propri clienti come criminali applicando assurdi DRM – ad articoli per Forbes, Locus, InformationWeek e The Guardian sul copyright, sui libri digitali e sul rapporto tra conoscenza e nuove tecnologie.

Un concentrato di idee, spunti e riflessioni su cosa siamo abituati a considerare “contenuto” e sul ruolo della tecnologia e del diritto d’autore riguardo alla diffusione delle informazioni.

Indice

  • Introduzione per Content
  • Discorso al gruppo di ricerca Microsoft sui DRM
  • La fabbrica di wurstel del DRM
  • I giochi dell’Happy Meal contro il copyright
  • Perché Hollywood gira un sequel delle guerre di Napster?
  • Voi adorate leggere dallo schermo del computer
  • Come proteggete gli artisti?
  • È l’Information Economy, stupido
  • I download fanno male ad Amazon
  • Qual è il diritto più importante dei creatori?
  • Distribuire gratuitamente ebook
  • I libri di fantascienza sono gli unici a venire rubati su Internet
  • In che modo il copyright ha fallito
  • Elogio della fanfic
  • Metaschifezze
  • Amish pro QWERTY
  • Ebook: ovvero né E né book
  • Ebook gratuiti ed economici
  • L’apocalisse progressista e gli altri diletti futuristi
  • Quando la Singolarità è più di uno strumento letterario
  • Wikipedia
  • Warhol si rivolta nella tomba
  • Il futuro dell’ignorare
  • Facebook perde la faccia
  • Il futuro del sistema immunitario di Internet
  • Tutti gli ecosistemi complessi hanno dei parassiti
  • LEGGETE ATTENTAMENTE
  • World of Democracycraft
  • Città di spie
  • L’autore
  • John Perry Barlow

Cory Doctorow

Romanziere vincitore di alcuni premi letterari, un attivista, un blogger, e un giornalista: Cory Doctorow è il co-redattore di Boing Boing, uno dei blog più popolari del mondo, e ha collaborato con il New York Times Sunady Magazine, The Economist, Forbes, Popular Science, Wired, Make, InformationWeek, Locus, Salon, Radar e molte altre riviste, quotidiani, e siti Web. Doctorow è stato Direttore Europeo della Electronic Frontier Foundation e ha preso parte a molte stipulazioni di contratti, alla produzione di norme via legislativa, e a battaglie normative e legali in tutti i paesi del mondo. Nel 2006/2007, inaugurò la Fulbright Chair in Diplomazia Pubblica all’Annenberg Center dell’Università della California del Sud. Nel 2007, è stato anche definito come uno dei “giovani leader globali” del forum del mondo economico e uno tra le prime 25 “Web Celebrities” della rivista Forbes. Nato a Toronto, in Canada, nel 1971, si è ritirato quattro volte dall’università. Ora vive a Londra, in Inghilterra, con la moglie e la figlia piccola, dove fa del suo meglio per eludere le onnipresenti telecamere di sorveglianza mentre gira per il mondo, parlando di copyright, di libertà e di futuro.

John Perry Barlow

Co-fondatore (e l’attuale co-presidente) della Electronic Frontier Foundation, è stato il primo ad applicare il termine “cyberspazio” al “luogo” che ora descrive. Barlow ha scritto per molte e disparate pubblicazioni, incluse Mondo 2000, il New York Times, Utne Reader, e per il Time. Ha avuto un ruolo importante nella rivista online Wired sin dalla sua fondazione. Il suo articolo sul futuro del copyright “The Economy of Ideas”, è studiato in molte facoltà di legge e la sua “Declaration of the Indipendence of Cyberspace” è pubblicata su diversi siti Web. Nel 1997 Barlow era un ricercatore all’istituto di politica di Harvard e dal 1998 è stato un ricercatore del Berkman Center per la facoltà di legge di Harvard. Lavora attivamente con diversi gruppi di consulenza, inclusi il Diamond Technology Partners, Vanguard e Global Business Network. Scrive, parla e fornisce consulenze su un’ampia varietà di materie, in particolare sull’economia digitale. Barlow vive nel Wyoming, a New York, a San Francisco, per la strada e nel cyber-spazio.

Fonte: http://www.apogeonline.com/libri/9788850310852/scheda

20 dicembre 2009

Recensioni :: Racconti :: Overclocked: Stories of the Future Present

Filed under: Recensioni — yanfry @ 01:41
Tags: , ,
Copertina di Overclocked Titolo originale: Overclocked: Stories of the Future Present
Autore: Cory DoctorowAnno: 2007
Nazione: Canada
Lingua: Inglese
Editore: Thunder’s Mouth Press

Genere: Fantascienza
Pagine: 304

Overclocked: Stories of the Future Present è una raccolta di sei racconti di fantascienza. Nella miglior tradizione della fantascienza, Cory Doctorow parte da tecnologie attuali e cerca di estrapolarne i possibili sviluppi e la loro influenza sull’umanità. Particolare attenzione è dedicata all’Informatica, alle tematiche dell’Intelligenza Artificiale e della capillare e inarrestabile diffusione della Conoscenza. Tuttavia i racconti di Overclocked non sono racconti cyberpunk: sono sicuramente cyber, ma non punk, anzi all’opposto; Doctorow ha una visione completamente positiva della scienza e della tecnologia e per lui il progresso tecnologico coincide con il Progresso. Nelle varie storie, i “Cattivi” sono sempre quelli che ostacolano il progresso scientifico/tecnologico e la libera circolazione delle idee. Che ci sia un margine di rischio nello sviluppo scientifico non viene preso in considerazione.

Inquadrata la filosofia di Doctorow, le sei storie sono le seguenti:

Printcrime. Un microracconto su un futuro nel quale è possibile usare stampanti tridimensionali per riprodurre qualunque oggetto (stile replicatori di Star Trek). Purtroppo i Signori del Copyright non apprezzano. Pochissime pagine, che è più semplice leggere che riassumere. Storiella che lascia il tempo che trova. chikas_pink20.gif

When Sysadmins Ruled the Earth. Un gruppo di amministratori di sistema asserragliati in un centro elaborazione dati assiste impotente a quella che pare essere la fine del mondo. L’idea di questo racconto è quella di mettere al centro di una storia apocalittica, al posto dei soliti soldati, scienziati, o anche solo uomini qualunque, un branco di geek. Il racconto funziona ed è divertente fin quando dura lo scherzo, ovvero finché si sorride davanti alla scala di valori morali e pratici dei protagonisti, scala così diversa e surreale rispetto a quella delle persone “normali”. Però ogni scherzo è bello quando dura poco, e qui Doctorow tira un po’ troppo per le lunghe, tra l’altro scantonando dal dilemma etico fulcro della storia (Internet può avere un valore in sé, anche se usata per scopi “malvagi”, o è solo mero strumento?)
Nel complesso un discreto racconto, che avrebbe meritato un miglior finale. Non semplice da seguire la terminologia informatica, usata senza pietà per il lettore chikas_pink60.gif (ma in fondo è giusto così: i protagonisti sono tutti sysadmin e sanno di quel che parlano, incombe l’Apocalisse, non c’è davvero tempo per le spiegazioni).

Anda’s Game. Anda è una ragazzina dodicenne appassionata di giochi online. Quando però comincia a giocare per soldi, soldi veri, la situazione le sfugge di mano. Questo racconto, che per certi versi mi è sembrato una versione per ragazzini ( kaos-whiteusagi01.gif Perciò è il racconto giusto per te! kaos-whiteusagi06.gif ) di Dogfight di Gibson & Swanwick, è anche l’unico a non essere di fantascienza: purché per certi versi incredibile, si basa su fatti reali (come lo stesso Doctorow spiega nell’introduzione).
Non mi è piaciuto. Si legge volentieri, ma troppo spesso più che un racconto di (fanta)scienza pare una predica. I bravi bambini fanno sport, non passano tutto il tempo davanti al PC, non giocano per soldi e aiutano i bambini poveri delle nazioni più sfortunate. Sarà, ma tutto ’sto zucchero mi ha già cariato almeno un dente. chikas_pink55.gif

Anda's Game Copertina
Copertina del fumetto ispirato al racconto Anda’s Game

I, Robot. Sullo sfondo di una guerra mondiale, un detective deve indagare sulla sparizione della figlia adolescente. Il nostro detective vive in una futura America che ha regolamentato ogni aspetto della vita sociale e dell’etica, in maniera simile a 1984 di Orwell. Tutti sono spiati da un’agenzia governativa chiamata Social Harmony e i robot sono tutti costruiti per obbedire pedissequamente alle asimoviane tre leggi della robotica. I nemici dell’America invece hanno abbandonato qualunque remora: i loro robot, non vincolati dalle tre leggi, hanno sviluppato un’intelligenza superiore persino a quella degli esseri umani e sono diventati il motore di un progresso inarrestabile, che ha già permesso l’immortalità e presto consentirà viaggi interstellari. chikas_pink11.gif
È un racconto per certi versi curioso. Qui la fiducia di Doctorow per la tecnologia raggiunge il suo apice: il progresso scientifico è sempre positivo! Persino le tre leggi della robotica, che pure per molti versi paiono sensate, nel racconto assumono un aspetto negativo, in quanto anche solo possibile ostacolo al progresso. Nessuna remora, nessuna etica, nessuna morale, se possono ostacolare lo sviluppo della scienza: per Doctorow il risultato finale sarà il Paradiso sulla Terra. Onestamente, Doctorow mi pare un pochino troppo ottimista, chikas_pink43.gif e il racconto non giustifica in pieno questo ottimismo. Ma rimane un’interessante lettura.

I, Row-Boat. Il più fantascientifico e bizzarro dei racconti nell’antologia. Protagonisti: una barca a remi senziente e la barriera corallina, anche lei dotata di autocoscienza. chikas_pink03.gif In un futuro dove gli essere umani hanno abbandonato la Terra e i loro corpi fisici, per sopravvivere sotto forma di pura informazione in una rete che si estende per tutto il Sistema Solare, la Barca-a-Remi del titolo trasporta robot umanoidi nei punti migliori per delle immersioni. Quando però la Barriera Corallina lungo la quale scendono i sommozzatori acquista anche lei coscienza, cominciano i guai.
È difficile giudicare un racconto che parte da premesse tanto bislacche, ma mi è piaciuto. Le considerazioni filosofiche – religiose della Barca-a-Remi sono a tratti interessanti e si inseriscono bene tra le scene più movimentate. La Barriera Corallina è di sicuro uno dei “Cattivi” più singolari che si possano immaginare.

After the Siege. Il racconto più lungo e probabilmente il migliore. Ispirato all’assedio di Leningrado durante la Seconda Guerra Mondiale, racconta le vicende della tredicenne Valentina, impegnata a cercare di sopravvivere con ogni mezzo all’assedio della sua Città.
La storia è ambientata nel futuro, probabilmente lo stesso futuro di Printcrime, nel quale è possibile “stampare” e riprodurre ogni sorta di manufatto, così come ai giorni nostri è possibile copiare senza alcun problema ogni genere d’informazione. Questo dovrebbe portare benessere a tutta l’umanità, ma non è così: quando la Città comincia a usare le stampanti tridimensionali infischiandosene di royalties e diritti, viene attaccata.
Ne segue una guerra spietata, durante la quale più d’uno cercherà di lucrare sulla catastrofe in corso. Valentina invece cercherà solo di uscirne viva insieme ai genitori e al fratellino.
Il racconto è una discesa nella Tragedia, chikas_pink01.gif via via che le condizioni in Città si fanno sempre più drammatiche. Con maestria Doctorow accompagna Valentina e il lettore nella Disperazione, finché… non svelo il finale, ma lascia perlomeno perplessi. Nonostante ciò, è una gran bella storia! chikas_pink23.gif

Cory Doctorow scrive in uno stile diretto e senza fronzoli. Il suo inglese si legge volentieri e senza difficoltà, se si esclude la terminologia tecnica (ma con l’aiuto del Coniglietto Grumo kaos-whiteusagi03.gif e di Wikipedia si possono superare anche gli ostacoli più duri!) Le idee alla base delle storie sono interessanti e spesso anche affascinanti, un po’ meno le storie vere e proprie, “malate” di un ottimismo alle volte davvero fuori luogo. I personaggi sono in troppe occasioni creati a uso e consumo della trama, anche se Valentina o la Barca-a-Remi rimangono impressi.

Tutto sommato, consiglierei Overclocked a chi sia appassionato di Informatica o abbia interesse per le problematiche riguardanti la libera circolazione delle idee, il ruolo della censura e il conflitto fra proprietà intellettuale e interesse della comunità.
Ovviamente è un’ottima lettura anche per chi è “solo” appassionato di buona fantascienza! chikas_pink42.gif

Fonte: http://fantasy.gamberi.org/2007/07/17/recensioni-racconti-overclocked-stories-of-the-future-present/

Blog su WordPress.com.