Cory Doctorow in Italiano

18 dicembre 2009

Scrivere senza distrazioni

Filed under: Melting pot — yanfry @ 01:10
Tags:
Photo courtesy of JKim1

Photo courtesy of JKim1

Essere sopraffatti dall’infinita quantità di stimoli, distrazioni, informazioni interessanti, post da mettere da parte e leggere appena avremo più tempo, siti da cui vorremmo trarre ispirazione, argomenti che vorremmo approfondire, idee, progetti che prima o poi vorremmo avviare, giretti su facebook giusto per vedere che succede, email, richieste di chat, feed. Molto spesso ci sediamo al computer con uno scopo e tre ore dopo ci accorgiamo di aver fatto tutt’altro rispetto a quel che ci eravamo prefissi all’inizio. Di buono c’è che abbiamo scoperto serendipicamente cose fighissime, ma che in fin dei conti non hanno fatto altro che aumentare la sensazione di sovrainformazione e la possibilità di essere distratti la prossima volta che passeremo del tempo online.

Uno dei casi tipici in cui tutto ciò accade è quando ti frulla in testa un’idea e ti dici: ora faccio un po’ di ricerca per approfondire e poi ci scrivo un bel post. Sono appena reduce da una di queste sessioni, ma questa volta ho trovato un bel post di Cory Doctorow che condivide le sue tecniche per scrivere nell’era delle distrazioni.

Cerco di tradurre e presentarvi la mia elaborazione dei suoi consigli, ma è sempre meglio riferirvi all’originale.

  • Dedicate brevi sessioni, ma regolari. Invece di aspettare di avere tutte le condizioni migliori per scrivere il post che meditate da tempo, tipo tre ore a disposizione senza distrazioni, aver reperito tutte le informazioni che vi servono, l’allineamento dei pianeti, ecc…, programmate brevi sessioni dedicate alla scrittura del post o dell’articolo o del vostro nuovo romanzo. E’ più facile trovare 20 minuti al giorno con poche distrazioni che tre ore filate con tutte le condizioni ideali. L’importante è la costanza per mantenere l’abbrivio.
  • Interrompete bruscamente la scrittura allo scadere del tempo programmato. Questo può apparire strano ed è forse il consiglio che mi ha colpito di più. Se aspettiamo di concludere il paragrafo che stavamo scrivendo è più facile che quando riprenderemo il giorno dopo ci troveremo di nuovo col panico da pagina bianca. Se invece troviamo una frase tronca a metà pensiero è più facile che inzieremo a scrivere proprio completando quella frase, dandoci così una spintarella per entrare a regime.
  • Non interrompete la scrittura per cercare un’informazione mancante. Ricercare informazioni su google è una delle principali occasioni di distrazione. Piuttosto mettete delle annotazioni nel testo li dove andrebbe un’informazione che non avete e alla fine dedicherete un po’ di tempo alla ricerca. Se usate una vostra convenzione standard per segnare i punti del testo in cui manca il dato, potrete poi usare la funzione di ricerca del vostro programma di scrittura per trovare tutti i buchi da riempire. Io, ad esmpio, metto un tag <link> davanti ad ogni frase o nome dove vorrei inserire un link al post o sito citato.
  • Non usate Word! Ma neanche OpenOffice o l’editor del vostro blog. Quanto più è semplice il programma di scrittura, quante meno distrazioni avrete. Pensate ad esempio ai polemici (e spesso assurdi) suggerimenti di grammatica di Word (e meno male che ora non c’è più la famelica Clip animata dell’Office Assistance). In fondo pensateci bene: avete davvero bisogno di tutte le funzionalità di formattazione del testo mentre scrivete? O non è meglio forse avere tute le risorse libere per il contenuto? In fondo è uno dei motivi per cui la scrittura su carta ancora ci sembra più efficace in alcune situazioni. In definitiva un semplice editor di testo (come notepad, emax, vi, textpad, ultraedit, notepad++) è più indicato nel momento in cui siete concentrati sulla scrittura. In un secondo memento potrete eventualmente copiare ed incollare il testo in un programma più sofisticato e dedicarvi all’edizione del formato. Ma non durante la fase creativa.
  • Spegnete tutte i sistemi di counicazione. Via il programma di posta che emette un suono ad ogni email ricevuta, via Skype, Messenger, chiudete anche il browser o quanto meno ogni tab aperto su siti di social network. Anche se inconsciamente l’occhio cade per un microsecondo su una di queste fonti di distrazione, perderete il focus sul quel che state scrivendo. Se è vero che postare un tweet o scrivere una risposta ad una domanda ricevuta via messenger richiede solo pochi secondi di distrazione, ci mettiamo comunque, anche inconsciamente, in uno stato di attesa, che riduce notevolmente la nostra concentrazione. In fondo possiamo stare venti minuti tagliati fuori dal mondo senza grosse conseguenze.

Proverò a mettere in pratica questi consigli, anche se alcuni non sono nuovi per me. Vedremo come andrà.

Fonte: http://www.gibilix.com/2009/01/scrivere-senza-distrazioni/

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: